Gli Incipit

Ecco un fulgido quanto sciagurato esempio di inizio di spettacolo.
Il tutto avvenne in ATTI IMPURI di Stefano Disegni, andato in scena al Teatro Vittoria di Roma nella stagione teatrale 2000-2001, protagonista il sottoscritto, coautore con Disegni di questo prologo.


A sala ancora accesa Solenghi sbuca da dietro il sipario chiuso, indossa un elegante smoking. Si rivolge agli spettatori, ai quali, all'ingresso in teatro le mascherine hanno offerto delle caramelle.


SOLENGHI

Buonasera e benvenuti, grazie per aver scelto ancora una volta il Teatro Vittoria. Questa sera e'  una sera un po' speciale per me e voi mi fate coraggio. Ne ho bisogno, perche'  nonostante questo mia consueta giovialita'  e questo mio "a plomb" di stampo anglosassone io questa sera me la sto letteralmente facendo sotto. Si' , perche'  questa sera, realizzeremo qui, davanti ai vostri occhi, un esperimento che non ha precedenti nella storia del teatro italiano e forse mondiale, un esperimento di cui voi sarete un po' le cavie involontarie. Per carita'  non c'e'  nulla di pericoloso in quello che stiamo facendo, almeno spero, oltretutto il  teatro e'  assicurato, quindi... Mi pare che il massimale per decesso di spettatore in sala  sia di 200 milioni, 100 se sta in galleria perche'  quelli di galleria, si sa, valgono molto meno, senno'  non starebbero in galleria. Innanzitutto come state? No, non e'  un banale convenevole, vi sto proprio chiedendo come vi sentite fisicamente!
 
Adesso capirete il motivo, si perche'  a questo punto e'  doveroso che io vi spieghi cosa sta succedendo. All'ingresso e in sala vi sono state offerte le caramelle al nuovo sapore ambra-glicine prodotte dalla Frisoni, il nostro sponsor. Alcuni di voi le avranno assaggiate e non avranno sentito nessun sapore ambra-glicine, giusto? Certo, perche'  il sapore ambra-glicine non esiste. Come non esiste la Ditta Frisoni. Quelle caramelle, o meglio, in quelle caramelle, si cela il nostro esperimento. La ricetta delle caramelle proviene nientemeno che dai laboratori dell'Esercito Americano.

Infatti dentro la capsula di zucchero sono contenuti, scusate, leggo, perche'  non ne so molto nemmeno io (Solenghi estrae dalla tasca un fogliettino) "dialossido di ammonocibina e fialuro di annidro periossigenato. Due sostanze chimiche innocue" spero "che agiscono sulle sinapsi cerebrali ne confondono i messaggi e sabotando il transito delle informazioni nell'encefalo, producono informazioni visive arbitrarie, non necessariamente aderenti al vero". In pratica uno sballo cosmico. L'Esercito Americano le lanciava dagli aerei sugli irakeni nella Guerra del Golfo, i soldati di Saddam si arrendevano ridendo. No, non si tratta di allucinogeni, signora! Come, "Che peccato!"!? Ora, attenzione, arrivo al nucleo centrale dell'esperimento! Signori, quello che vedrete sulla scena questa sera non e'  cio'  che stara'  realmente accadendo! Il dialossido e l'annidro modificheranno la realta'  secondo i desideri piu'  profondi del vostro inconscio! In pratica non vedrete quello che sta realmente accadendo sulla scena ma quello che volete veramente vedere!
 
"Ma perche'  ci fai questo, carogna?" direte voi. Ebbene, il motivo c'e' : i pezzi scritti dall'autore per questo spettacolo facevano veramente schifo e  magari, insomma,  con qualche additivo riusciamo a raddrizzarlo, o almeno la gente non se ne accorge troppo...ma, scusate, mi sto dilungando, il dialossido e l'annidro dovrebbero aver gia'  fatto effetto, si' , a giudicare dalle vostre facce mi pare che ci siamo. Bene, vedo se anche dietro le quinte e'  tutto a posto...<b>(Solenghi infila la testa nel sipario, voltando le spalle al pubblico e rivelando il culo incredibilmente nudo)</b> Allora, come va ragazzi, siete pronti? (Udendo l'inevitabile reazione del pubblico Solenghi si rigira di nuovo verso di loro)  Che succede? Cosa c'e' ? Non mi dite che sta facendo effetto davvero! E ditemi, ditemi, che avete visto? (rivolgendosi a qualcuno in platea) Cosa? Signora, lei mi pare seria e affidabile, cosa ha visto, vediamo che desideri nasconde il suo inconscio.... Ha visto che?! Il mio...Ma lei e'  matta! E lei signore che cosa ha visto? Anche lei il mio... Bene, allora mi pare proprio che ci siamo, siete sballati al punto giusto. Io andrei a prepararmi. Be'  allora : buon divertimento o meglio, buon viaggio...

Solenghi esce. Si apre il sipario sul primo atto.